Skip to content

Preparazione ad un torneo di Texas Hold’em

by poker texas holdem on September 18th, 2010

Vincere in un torneo Texas Hold’em implica avere tattica ma soprattutto avere metodo e forza di volontà poiché il gioco , più in generale il poker, in qualsiasi modalità lo si voglia giocare, richiede un’ elevata concentrazione.

Quando ci si siede al tavolo esistono le proprie carte e gli avversari, con lo studio delle mosse altrui, non solo concernenti le combinazioni, ma anche lo studio del corpo dal quale si evince la psicologia.
È fondamentale, dunque, essere seduti con la testa ed essere parte del tavolo eliminando qualsiasi pensiero alternativo che, in un modo o in un altro, possa deconcentrare.

È altrettanto importante controllare la salute affinché non si abbiano influenze o malori che possano distogliere la concentrazione.

A tal fine la maggior parte dei giocatori di poker professionisti, prima di un torneo, si esercita anche fisicamente, sostenendo allenamenti e corse per ottenere un ottimo stato psico-fisico e cerca di tenersi riposato il più possibile.

È assolutamente vietato bere alcolici perché non si controllerebbe il gioco al massimo delle propie potenzialità e, altro suggerimento, è che non ci si abbuffi di cibo soprattutto nei tornei live con buffet per evitare che arrivi la sonnolenza che fa perdere di vista qualsiasi obiettivo. Altro suggerimento per sostenere un torneo o un tavolo cash di Texas Hold’em è quello di valutare il tavolo prima di sedervisi: bisogna analizzare quanto i giocatori sono disposti a puntare, se tendono a rilanciare, se hanno a disposizione un’ammontare di fiches che non ci si può permettere. Giocare in un tavolo in cui gli avversari dispongono di molto più denaro rispetto al proprio impedisce certe mosse, limita le azioni: se infatti si hanno buone carte si può tentare di rilanciare sempre di più per stare ai rilanci degli avversari, ma in caso di errori o di carte migliori degli altri giocatori, si rischia di essere eliminati dal gioco molto velocemente. Altro svantaggio è che un avversario si accorga di che chi gli siede di fronte dispone di un ammontare esiguo rispetto al proprio: tewnterà di bluffare in tutti i modi possibili e vincere gli risulterà facile perché il giocatore con una cifra inferiore non sarà disposto a perdere quel poco che ha. In un torneo bisogna, dunque, cercare di accumulare denaro e di non spenderlo in una sola partita, ma tener presente che con quello bisogna andare avanti, motivo ulteriore per non gocare con chi dispone di cifre di molto a di sopra della propria possibilità.

Bisogna, inoltre, tenere sempre conto dei bilanci delle partite, quanto denaro esce e quanto ne entra, considerando tutte le sessioni di gioco come fosse un’ unica partita, valutando la possibilità di poter perdere un poco perché nelle mani successive si può, di contro, recuperare il denaro. Se, diversamente, si perde più di quanto si dispone allora è il caso di fermarsi e non continuare, ma aspettare un giorno in cui la sorte sia migliore.

Altra importante nota è la disciplina su di un tavolo: considerare che le carte buone vanno e vengono e dunque saper aspettare il momento in cui le carte saranno propizie e passare quando invece non le si ritiene tali.

ARTICOLI CORRELATI

Comments are closed.