Skip to content

Il Texas Hold’em e la tabella Sklansky: la matematica nelle strategie del poker

by poker texas holdem on September 18th, 2010

La tabella di Sklansky  nel poker cerca di analizzare le differenti strategie da utilizzare nel Texas Hold’em in base al comportamento degli avversari.
Sklansky ha enunciato il suo teorema fondamentale del poker ed ha creato una tabella esplicativa delle probabilità nel Texas Hold’em.

Il primo passo per la vittoria, quando si gioca a Texas Holdem, è la valutazione delle prime due carte che abbiamo tra le mani. Già da quelle due carte bisognerebbe prendere consapevolezza della possibilità che si ha di accumulare punti favorevoli o meno, della probabilità di vincere in realazione alle ipotetiche carte degli avversari. Ipoteticamente con tutte e due le prime carte si potrebbe vincere, se le carte che vengono scoperte sul tavolo sono positive, ma è innegabile che ci sono carte più forti di altre e, dunque, sarebbe il caso di lasciare la partita quando le carte a disposizione non sono forti.Senza ombra di dubbio le carte più forti in partenza sono A-A perché possono dar adito a un poker, e come è risaputo l’Asso rappresenta il valore più alto; 7-2 sono invece la peggiore combinazione che si possa trovare in quanto sono le carte più basse e anche distanti, tanto che una scala risulterebbe veramente difficile. Per quanto riguarda le altre combinazioni a due carte, non si può dedurre perfettamente sul da farsi, in quanto il valore dipende anche dall’ andamento della partita, da quanti giocatori sono sul tavolo, se si è primi a dover scommettere o ultimi. Uno studioso e teorico di poker, l’americano David Sklansky ha realizzato delle tabelle suddivise in otto gruppi, a seconda dei quali, vale la pena continuare a giocare o meno. Sklansky nel gruppo 1 ha posto tutte le coppie più alte (A-A; K-K; Q-Q; J-J) più A e K dello stesso seme (indicato per comodità con una s) per una possibile scala reale. Il gruppo 2 della tabella di Sklansky presenta le seguenti combinazioni: 10-10; A-Qs; A-Js; K-Qs; A-K. Nel gruppo 3 sono presenti carte più basse che possono dare adito a scale dello stesso seme o a poker (9-9; J-10s; Q-Js; K-Js; A-10s; A-Q). E così via fino ad avere combinazioni di valore sempre minore secondo quanto segue: gruppo 4 (10-9s; K-Q; 8-8; Q-10s; 9-8s; J-9s; A-J; K-10s); gruppo 5 (7-7; 8-7s;Q-9s; 10-8s; K-J; Q-J; J-10; 7-6s; 9-7s; A-Xs; 6-5s); gruppo 6 (6-6; A-10; 5-5; 8-6s; K-10; Q-10; 5-4s; K-9s; J-8s; 7-5s); gruppo 7 (4-4; J-9; 10-9; 3-3; 9-8;6-4s; 2-2; K-una qualsiasi carta bassa s; 10-7s; Q-8s; 5-3s; 4-3s); gruppo 8 (9-6s; 8-5s; J-7s; 7-4s; A-9; Q-9; J-8; 10-8; 4-2s; 3-2s; 8-7; 7-6; 6-5; 5-4; K-9). La tabella di Sklansky non ha, qui, valore assoluto, però sicuramente è indicativa nella considerazione di 72 mani di partenza, nelle quali Sklansky ha cercato di individuare quelle carte che potrebbero portare ad avere la mano migliore, una scala (più facile se si hanno due carte adiacenti), un colore, un top pair (ovvero la coppia di valore più alta), una mano vincente che sia più alta di quella degli avversari, una buona mano (che non sempre porta a una vittoria, specie e gli avversari hanno mani migliori).

La valutazione delle prime due carte è, dunque, strettamente importante, e se si ritiene che queste non siano abbastanza buone ad acquisire punti allora è meglio lasciar perdere e passare o foldare perché conviene perdere i pochi soldi della scommessa iniziale che non più soldi per avvicinarsi a un piatto alquanto improbabile. Per quanto riguarda le possibilità si può osare anche con carte di gruppi inferiori ai primi 5 quando si è in pochi giocatori (le probabilità di avere mani più forti della propria diminuiscono) e quando non ci si trova subito dopo il mazziere (chi si trova a dover scommettere per ultimo ha maggiore potere decisionale condizionato dalle scelte e azioni altrui).

Ricapitoliamo di seguito la tabbella Slansky utile per determinare le Starting hands nel texas Hold’em Poker:

Gruppo 1: AA, KK, QQ, JJ, AKs
Gruppo 2: TT, AQs, AJs, KQs, AK
Gruppo 3: 99, JTs, QJs, KJs, ATs, AQ
Gruppo 4: T9s, KQ, 88, QTs, 98s, J9s, AJ, KTs
Gruppo 5: 77, 87s, Q9s, T8s, KJ, QJ, JT, 76s, 97s, Axs, 65s
Gruppo 6: 66, AT, 55, 86s, KT, QT, 54s, K9s, J8s, 75s
Gruppo 7: 44, J9, 64s, T9, 53s, 33, 98, 43s, 22, Kxs, T7s, Q8s
Gruppo 8: 87, A9, Q9, 76, 42s, 32s, 96s, 85s, J8, J7s, 65, 54, 74s, K9, T8, 43

ARTICOLI CORRELATI

Comments are closed.